MIA MARTINI OFFICIAL WEBSITE: Tutte le novità su Mia Martini - o più semplicemente, Mimì

MIMÌ SOCIAL NETWORK

MIA MARTINI

"È sempre la ricerca a farmi innamorare della musica ogni giorno che mi tocca di vivere. La musica resta la dinamica della mia vita, il suo stesso respiro" - Voce italiana tra le più belle, scomparsa in circostanze mai del tutto chiarite, Domenica (Mimì) Rita Adriana Berté, in arte Mia Martini, nasce a Bagnara Calabra, in provincia di Reggio Calabria, il 20 settembre 1947, secondogenita di quattro figlie. Tra queste, c'è anche Loredana Berté, anche lei cantante italiana molto apprezzata. Difficile commentare quello che Mimì ha lasciato alla musica: interprete sensibile e straordinaria, anima tormentata alla continua ricerca di una dimensione umana e artistica autentica e priva di compromessi. E anche per questo emarginata e lasciata sola da quell’ambiente musicale di cui così tanto subì le luci mutevoli e le improvvise ombre. Senza peli sulla lingua, guidata dal proprio coerente sentire, ammirata per il suo talento autentico da tutti i più grandi della musica – Bennato, Tullio De Piscopo, Mango, Biagio Antonacci, Cocciante, De Gregori, Baglioni, le amiche Ornella Vanoni e Mina - è parte del più prezioso patrimonio della musica italiana. Si presentò sulla scena musicale inizialmente come Mimì Bertè e poi dimostrando di essere in netto anticipo sui suoi tempi con l'album d'esordio "Oltre la collina". Alla fine degli anni Settanta cominciò l'ascesa come interprete di musica leggera, con brani che entreranno nel repertorio classico della canzone italiana: Piccolo uomo, Minuetto, Padre davvero, Almeno tu nell'universo, Gli uomini non cambiano... In trent'anni di carriera conquistò diversi riconoscimenti, tra cui la Targa Tenco e il Premio della Critica a Sanremo, istituito apposta per lei nel 1982. Quest'ultimo, dopo la scomparsa dell'artista il 12 maggio del 1995, prese il nome di Premio Mia Martini, ancora oggi il più ambito riconoscimento nel panorama musicale nazionale.
"Il segreto di una grande interprete non è avere una bella voce. L'importante è capire esattamente il senso della gioia o del dolore che stai raccontando, perché nelle canzoni si interpreta sempre un'emozione o una qualsiasi specie d'amore per qualcosa e se non sai cosa vuol dire "soffrire" non puoi sapere cosa vuol dire "amare". Per cui è questo il segreto: il saper dire le cose sentendole" - Mia Martini
Per fortuna il suo talento dolente e intenso è rimasto qui, nei suoi dischi, nelle sue apparizioni televisive. Mi piace moltissimo, basta sentirla per imparare sempre qualcosa. La precisione, la purezza, l'uso della voce. La passione no, quella ce l'hai o non ce l'hai. Quella non si impara. Lei ne aveva da vendere. Io ho indegnamente fatto un suo pezzo, per la precisione "Almeno tu nell'universo", ma meglio la sua versione.
Mina

Mina

Cantante
Mimì aveva un'anima bella, come la sua voce, e una dolcezza che, mista alla potenza del suo canto, mi affascinava. Creare un look per lei, seguirla nei suoi impegni pubblici è stata anche un'esperienza di amicizia e l'incontro con una persona vera.
Giorgio Armani

Giorgio Armani

Stilista
Dalla prima volta, rimasi ipnotizzato dalla sua voce, bellissima, e da una padronanza della scena con cui sapeva trasmettere alla gente la sua vita.
CHARLES AZNAVOUR

CHARLES AZNAVOUR

Cantautore

CONTATTI

Contatta lo staff del sito per informazioni o per la notifica di novità ed eventi riguardanti Mia Martini.

NEWS

CONCORSO: UNA POESIA PER MIMÌ

L’associazione Universo di Mimì presenta la seconda edizione del concorso letterario Una poesia per Mimì Scadenza 16 aprile 2018 www.universodimimi.it 1. La partecipazione è completamente gratuita; 2. Si può partecipare con un testo poetico inedito e mai premiato, che non superi la lunghezza di trentacinque versi e che abbia un riferimento a Mia Martini o ai […]

FRANCOBOLLI 2018: Eccellenza Italiana dello Spettacolo

Sono questi i numeri del programma di emissione delle carte-valori postali 2018 definite dal Sottosegretario di Stato allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli. Tra i francobolli più rappresentativi scelti per il prossimo anno figurano quello dedicato a San Pio da Pietralcina per commemorare il cinquantenario della scomparsa, quello per celebrare il 45.esimo anniversario della fondazione dei […]

Tanti Auguri di Buone Feste

Dallo staff di Mia Martini Official: Buone feste e tanti auguri per uno splendido 2018… e che questo nuovo viaggio d’amore ci possa unire tutti assieme per ricordare Mimì!

DISCOGRAFIA

"PER FORTUNA IL SUO TALENTO DOLENTE E INTENSO È RIMASTO QUI, NEI SUOI DISCHI..." - MINADISCOGRAFIA >
LA MUSICA DI MIMÌ >

ASSOCIAZIONE MINUETTO ONLUS: "Mimì Sarà"


"L'Associazione Minuetto nasce per tutelare il patrimonio artistico di Mia Martini e di tutta la famiglia e al tempo stesso per organizzare eventi che siano trampolino di lancio per giovani di talento. Tutto questo nel ricordo della grandissima Mia Martini che tanta gavetta ha dovuto fare prima di conquistarsi un posto di primissimo piano nel difficile mondo dello spettacolo e tanto ha sofferto e dovuto lottare per ritornare al successo dopo il triste momento di oscuramento forzato" - Leda Berté

Negli ultimi anni, trampolini di lancio per iniziare una carriera musicale, sono i talent show. Vetrine utili, ma spesso forvianti, che diffondono una cultura sbagliata e pericolosa. Infatti, confermano la convinzione che la popolarità, quasi sempre effimera, sia lo scopo, e la musica solo il mezzo per raggiungerla. Ma la musica è un’arte dalle implicazioni profonde che, con l’emozione, non solo può colmare l’ego dell’artista ma, soprattutto, il vuoto esistenziale del fruitore. Esistono molti Centri qualificati che danno la possibilità ad artisti emergenti di imparare, specializzarsi e prepararsi all’ingresso del mondo dello spettacolo. In genere però, in molte scuole, si commette l’errore di cercare di modificare e plasmare il talento naturale e personalissimo degli allievi, a insindacabile giudizio dei maestri o, peggio, del mercato. Il nostro progetto, invece, si basa su una considerazione: gli artisti degli anni ’60/’80 (cantanti, musicisti, attori, ballerini, presentatori, etc.) che sono tutt’ora in auge e comunque ricordati, non hanno fatto altro che trasmettere il proprio talento e la propria unicità. Esempio massimo di artista dalla personalità originale e dall’anima profonda, capace di coinvolgere nelle proprie emozioni milioni di persone è stata l’indimenticabile Mia Martini. La sua Arte, finita con lei, resta però viva nella musica italiana, e la nostra ambizione è quella di riuscire a “scoprire” e aiutare artisti capaci, che abbiano la consapevolezza della propria arte e la responsabilità di portarla avanti proprio come ha fatto lei, che è riuscita persino a trasformare la sua sofferenza interiore, soprattutto negli ultimi anni, in una sublime maturazione artistica.

MAGGIORI INFORMAZIONI >
SITO DELL'ASSOCIAZIONE >
FACEBOOK: ASSOCIAZIONE >

PETIZIONE: PREMIO DELLA CRITICA "MIA MARTINI" SUL PALCO DELL'ARISTON

Il Premio della Critica “Mia Martini” è uno dei riconoscimenti più importanti conferiti durante il Festival di Sanremo, ma da diversi anni non viene più assegnato sul Palco dell’Ariston durante la finale del festival, ma in Sala Stampa o in trasmissioni successive al Festival. Chiediamo alla Direzione Artistica di Sanremo 2018 diretta quest’anno dal Maestro Claudio Baglioni la consegna del Premio direttamente sul Palco dell’Ariston al vincitore durante la finale del Festival. (Come per altro avviene per tutti gli altri riconoscimenti del Festival. Per rendere un giusto omaggio non solo al Premio ma anche all’artista a cui è intitolato, Mia Martini.

La Storia del Premio della Critica “Mia Martini”
Assegnato ogni anno a partire dal 1982, nacque come riconoscimento informale attribuito dalla stampa specializzata in sala alla canzone e all’interprete che riscuotesse un giudizio positivo di qualità da parte degli addetti ai lavori (giornalisti e critici musicali); successivamente, già dall’edizione successiva, fu istituzionalizzato e trasformato in uno dei premi conferiti nel corso del Festival. Dal 1996 il premio è intitolato a Mia Martini, morta per un fibroma l’anno precedente, che fu l’artista che più volte si aggiudicò tale riconoscimento oltre anche a esserne la prima vincitrice in assoluto.

La petizione è un’idea del Gruppo Facebook “MIA MARTINI”.
Grazie a tutti coloro che intenderanno sostenere questa petizione, firmandola e condividendola.

VAI ALL'ARTICOLO COMPLETO >